case histories

    Apexfine: la poesia del Vetro

    Condividi: Facebook

    Finestre e porte Apexfine per questa stupenda residenza di famiglia privata situata in un ambiente urbano, che è costituita da una "scatola” bianca, priva di elementi decorativi e ornamentali. All'interno della "scatola", linee orizzontali sono stati aperte a collegare la casa al suo ambiente ed a creare, all'interno della struttura, una sensazione come se una vita intera sia stata congelata nel tempo..
     
    Le aperture sono realizzate con la linea di scorrevoli ApexFine, sistema dal profilo minimale che sostiene enormi pannelli di vetro e che permette un perfetto scambio visuale tra esterno e interno: la luce naturale penetra la struttura durante il giorno, l'illuminazione artificiale fuoriesce durante le ore di oscurità. In realtà, la casa costituisce una "bolla" pura e immacolata che invita coloro che utilizzano gli spazi in un mondo di valori di progetto che sono radicalmente diversi da quelli del circostante, caotico, mondo urbano.

    La struttura di rivestimento scanalata e forata costituisce in sé un oggetto lucido e minimalista che esalta il linguaggio monastico e sostanziale che il progettista ha scelto di utilizzare.
    I vari livelli e il flusso delle varie tonalità di bianco, insieme con i giochi geometrici della luce contro le superfici orizzontali e verticali, fornisce al quadro trattenuto un senso di spazio e profondità.