case histories

    Villa Aldrighetti

    Condividi: Facebook

    Collocata su un’altura che domina il territorio e regala una vista spettacolare sulla sponda orientale del lago di Garda, villa Aldrighetti (progettata e realizzata dall’Arch. Albino Finotti di Verona) è una residenza che si sviluppa armonicamente su due stili architettonici apparentemente contradditori, ma con un effetto finale decisamente armonioso, oltre che di peculiare appeal.

    Combinandolo con l’utilizzo (nella facciata frontale) della pietra, che richiama il fascino degli antichi casali, il progettista ha in realtà sfruttato al massimo il linguaggio contemporaneo per realizzare un progetto su tre piani in cui l’utilizzo di materiali e soluzioni originali a largo campo. In particolare, spiccano le finestre scorrevoli parallele, gli alzanti scorrevoli ad angolo con veneziane ed i pezzi fuori misura a tutta altezza.

    Pur nell’abbondanza di soluzioni progettuali di grande incisività ed impatto estetico, l’abitazione mostra anche grande pragmatismo nel rispondere ai bisogni del committente in termini di performance e di funzionalità. Gli ambienti, in tenui colori caldi, sono ariosi e (soprattutto nel piano terra) sviluppati su diversi livelli: una soluzione che separa gli ambienti senza interrompere gli spazi e consente alle principali aree comuni di rimanere aperte, pervase di luce e dinamicità.

    Le ampie vetrate che caratterizzano l’edificio riflettono la determinazione dei progettisti a creare una forte interazione tra l’abitazione e l’ambiente circostante, il cielo, la luce. Il sistema Wis’A LA di Albertini, che offre ampie possibilità di personalizzare il serramento adattandolo alle più svariate esigenze progettuali, ha permesso la realizzazione di finestre che, sia nelle forme che nel colore, soddisfano egregiamente la duplice esigenza di schiarire l’esterno (su cui spicca la colorazione stucco Corium del rivestimento in alluminio) e movimentare il bianco imperante dell’interno con la peculiare sfumatura del Rovere sbiancato.

    Il risultato finale è quello di un'architettura i cui punti fondamentali risultano il trattamento della luce, la continuità degli spazi tra interno ed esterno nonchè il delinearsi e susseguirsi di viste che ritagliano suggestive e puntuali porzioni di paesaggio.