case histories

    Villa Paradiso

    Condividi: Facebook

    STRUTTURA IN LEGNO, FINESTRE A TUTTA PARETE E SPAZIO AL PANORAMA IN UNA VILLA CON VISTA MOZZAFIATO SUL LAGO DI GARDA

    Villa Paradiso - così la chiama affettuosamente la padrona di casa - è una casa di villeggiatura di lusso recentemente completata sul versante Ovest del Monte Baldo, quello che si affaccia sulla sponda veronese del lago di Garda.
    L’abitazione, la cui struttura è interamente in legno, è concepita come parte di un minicomplesso di 4 abitazioni per vacanze di lusso inserite nel terreno in pendenza per sfruttare al meglio il territorio e la meravigliosa visuale che si apre sul lato Ovest: boschi incontaminati che degradano uniformemente verso il lago senza soluzione di continuità.
    Un corpo il più compatto possibile per soddisfare le esigenze energetiche e, al tempo stesso, le finestre di camere e soggiorno a tutta parete orientate ad Ovest creano il perfetto compendio tra bellezza e performance, per una qualità dell’abitare ai massimi livelli.

    I serramenti Albertini, in questo contesto, regalano un rilevante contributo al fascino della villa e all’obiettivo del progetto: creare una forte interazione tra l’abitazione e l’ambiente circostante, il cielo, la luce.
    Il sistema Quadr’A in legno-alluminio, che offre ampie possibilità di personalizzare il serramento adattandolo alle più svariate esigenze progettuali, ha permesso la realizzazione di finestre che, sia nelle dimensioni che nelle nuance di colore, soddisfano egregiamente la duplice esigenza di mimetizzarsi all’esterno (spicca la colorazione bianco opaco del rivestimento in alluminio) e schiarire il lato interno, in cui domina il colore del legno.
    In questo caso, il profilo minimalista del sistema Quadr’A con Alluminio Piano era il più adatto ad assolvere l’esigenza stilistica complessiva, che era quella di creare dei serramenti meno appariscenti possibile per dar modo alle soluzioni originali del progetto (legno a vista, lampade ed elementi d’arredo di design) di emergere. Spiccano in particolare le finestre alzanti scorrevoli a due ante, con larghezza fino a 4,5 metri, posizionate esattamente di fronte alla magnifica vista.

    Originale l'effetto del fisso finestra senza coprifili e con il rivestimento in pietra che ci finisce contro.
    Il risultato finale è quello di un'architettura i cui punti fondamentali risultano il trattamento della luce, la continuità degli spazi tra interno ed esterno nonché il delinearsi e susseguirsi di viste che ritagliano suggestive e puntuali porzioni di paesaggio.
    Il particolare disegno architettonico è stato ideato su commissione dallo studio di architettura Finotti di Verona.